Jihad

Jihad, parola di origine araba con due diverse accezioni. Si distingue, lo Jihad (genere maschile) e la Jihad (genere femminile), comunemente la seconda accezione non è presente nella lingua araba scritta e parlata dai mortali. Con lo Jihad si intende un ampio spettro di significati che vanno dalla lotta interiore del credente e lo sforzo che la Fede richiede, alla guerra contro i non credenti (secondo l’interpretazione dei versi coranici 9:5, 29 data da ibn Kathīr nel XIV secolo). La Jihad è invece un termine adoperato tra i Fratelli per indicare l’antichissima lotta che oppone vicendevolmente gli Antichi della loro stirpe in una infinita faida di sangue, l’utilizzo di questo termine comporta la convinzione che i giovani Fratelli siano, loro malgrado, invischiati in questa contesa, adoperati come pedine sacrificabili su una scacchiera di scala globale. La Jihad è un concetto molto presenti nel Sabbat, e rappresenta quello stato di guerra perenne contro il quale si vuole agire attraverso la distruzione degli Antidiluviani, ritenuti gli autori ultimi e occulti della Jihad. Formalmente la Camarilla respinge questa descrizione, ritenendo la Jihad conclusa con l’Accordo di Thorn, e gli Antidiluviani un mito o semplici figure allegoriche.

Jihad

Il Giardino della Fame Haematinon