Basarab

Perfino gli Immortali considerano i Basarab una leggenda. Così è riportato in uno dei rari testi che ne menzionano l’esistenza: “I Baat’um-sar’hab, coloro che fondarono la Tal’mae’Rah, giungevano da Oriente, e poiché avevano Sol l’Eterno nelle vene come oro fuso che scorreva, essi erano immuni da ogni catena di sangue” (Frammenti di Ercyes, III-A). Altre leggende e storie menzionano di una dinastia di Faraoni che avrebbero governato un regno vasto e potente, discendenti degli stregoni Baat’um-sar’hab e capaci di affrontare gli Immortali perfino nel pieno della notte. Alcuni membri della Manus Nigrum ritengono la discendenza dei Basarab completamente distrutta con la morte di Vlad Tspesh, noto al mondo occidentale come Vlad l’Impalatore e reso famoso da Bram Stoker con il nome di Dracula. Pertanto, di contro a ogni supposizione, Vlad, tutt’altro che un vampiro, sarebbe stato l’ultimo di una stirpe di uomini in grado di affrontare i fratelli e di distruggerli. Si dice che Vlad prima di essere annientato abbia condotto alla morte ultima diversi potenti Immortali, ma che infine sia stato travolto da un avversario più astuto, alcuni fanno il nome di Vukodlak. Secondo Darius Obertus e Mirceda Zarnovich i Basarab custodirebbero ancora la Porta di Ishtar, alcuni superstiti di questa potente famiglia vivrebbero nelle desolate solitudini del Deserto Rosso, il Rub al Khali, lontano diversi giorni di viaggio da ogni riparo e composto solo di vaste dune alte come colline. Cosa sia esattamente la Porta di Ishtar è motivo di dibattito,secondo alcuni storici Babilonia sarebbe stata la prima città fondata dai Basarab, secondo altri l’ultima, in essa sarebbe stata costruita la Porta e consacrata alla divinità Ishtar. Può stupire sapere che Isthar fosse sia dea dell’amore e della vita, sia legata alla tempeste e alla guerra, il frammento XVI del Papiro di Dyochaus la definisce “Madre degli Incubi” e nell’iscrizione votiva sulla coppa del tesoro Hampt’on si legge “Ad Ishtar Divoratrice”, per questa ragione alcuni storici delle religioni, come Ludwig Bayros (1870-1900) hanno accostato Ishtar a Lammasu, o ad altre divinità notturne, come Echidna. Quale sia il significato della porta e il destino dei Basarab è mistero che ancora deve essere svelato.

Basarab

Il Giardino della Fame Haematinon